Ornus dell’Ornellaia

TOSCANA BIANCO IGT

Ornus dell'Ornellaia, frutto di una vendemmia tardiva di Petit Manseng, è un vino prodotto in quantità estremamente limitata, capace di conferire una nuova dimensione alla tenuta. In alcune annate il piccolissimo vigneto “Palmetta” offre le condizioni perfette per la produzione di questo esclusivo vino dolce. Il nome Ornus dell’Ornellaia si ispira al ‘Fraxinus Ornus’, nome latino dell’Orniello, l’albero a cui si deve il nome di Ornellaia. Pianta tipica della macchia mediterranea, detta anche ‘albero della manna’ per la sua linfa preziosa di biblica memoria usata come antico dolcificante, l’Orniello o ‘Faxinuns Ornus’ allude con perfetta corrispondenza alla dolcezza di Ornus dell’Ornellaia.

Annata 2013

100% Petit Manseng

Dopo il siccitoso 2012, l’inverno 2013 è stato caratterizzato da un tempo mite ma molto piovoso, provocando un ritardo del germogliamento di ben 15 giorni. Un tempo freddo e relativamente piovoso ha portato ad un lento accrescimento dei germogli e ad una fioritura irregolare e molto lunga, sempre in ritardo di due settimane rispetto alla media. Oltre a condurre ad un leggero abbassamento della produzione, questa fioritura particolarmente lunga ha provocato uno sviluppo eterogeneo dei grappoli. Fortunatamente l’estate, arrivata puntuale a fine giugno, è stata perfetta: asciutta, soleggiata e non priva di alcuni picchi di calura intensa a luglio ed agosto. Da questo punto di vista il ritardo vegetativo è stato benefico in quanto ha portato il periodo di maturazione a dopo il periodo più caldo. I classici temporali del mese di Agosto hanno portato ad un abbassamento importante delle temperature, soprattutto notturne, che ha permesso una buona maturazione soprattutto dei profumi, mantenendo fresca e vibrante l’acidità. Dopo un breve intervallo piovoso all’inizio di Ottobre gli acini sono riusciti a completare il loro appassimento raggiungendo un’ottima concentrazione zuccherina e mostrando lievi tracce di muffa nobile. Sono stati quindi raccolti in tre passaggi tra il 3 e il 18 ottobre.

VINIFICAZIONE ED AFFINAMENTO

NOTE DI DEGUSTAZIONE DELL’ENOLOGO

Annata 2013

100% Petit Manseng

Dopo il siccitoso 2012, l’inverno 2013 è stato caratterizzato da un tempo mite ma molto piovoso, provocando un ritardo del germogliamento di ben 15 giorni. Un tempo freddo e relativamente piovoso ha portato ad un lento accrescimento dei germogli e ad una fioritura irregolare e molto lunga, sempre in ritardo di due settimane rispetto alla media. Oltre a condurre ad un leggero abbassamento della produzione, questa fioritura particolarmente lunga ha provocato uno sviluppo eterogeneo dei grappoli. Fortunatamente l’estate, arrivata puntuale a fine giugno, è stata perfetta: asciutta, soleggiata e non priva di alcuni picchi di calura intensa a luglio ed agosto. Da questo punto di vista il ritardo vegetativo è stato benefico in quanto ha portato il periodo di maturazione a dopo il periodo più caldo. I classici temporali del mese di Agosto hanno portato ad un abbassamento importante delle temperature, soprattutto notturne, che ha permesso una buona maturazione soprattutto dei profumi, mantenendo fresca e vibrante l’acidità. Dopo un breve intervallo piovoso all’inizio di Ottobre gli acini sono riusciti a completare il loro appassimento raggiungendo un’ottima concentrazione zuccherina e mostrando lievi tracce di muffa nobile. Sono stati quindi raccolti in tre passaggi tra il 3 e il 18 ottobre.

VINIFICAZIONE ED AFFINAMENTO

NOTE DI DEGUSTAZIONE DELL’ENOLOGO

Seleziona la lingua